Foresteria

“Tutti gli ospiti siano accolti come Cristo in persona perché lui stesso dirà: Ero forestiero  e mi avete accolto. A tutti sia reso il dovuto onore, soprattutto ai compagni di fede e ai pellegrini. Pertanto appena si viene a sapere dell’arrivo di un ospite, gli vadano incontro il superiore e i fratelli con tutte le premure che la carità ispira.Prima si preghi insieme, e poi si scambino la pace. Non si dia il bacio di pace se non dopo aver pregato, per dissipare  le illusioni del diavolo. Anche nel porgere il saluto agli ospiti, sia quando arrivano che quando ripartono, l’atteggiamento deve essere pieno di umiltà: a capo chino o anche prostrandosi a terra, si deve adorare in essi il Cristo che viene accolto”
(Regola di San Benedetto -Dell’accoglienza degli Ospiti – cap.53)

Secondo la tradizione monastica anche il Monastero di Santa Giustina è dotato di una foresteria per l’accoglienza degli ospiti che vogliono condividere con i monaci la preghiera, il silenzio, la ricerca di Dio. Contrariamente a quanto  avveniva in passato, quando venivano accolti preferibilmente  i poveri e i pellegrini, oggi si  avverte forte il bisogno di silenzio e di ricerca spirituale, per cui il Monastero è diventato sempre più un luogo di accoglienza che risponde a questa sempre più crescente esigenza. Attualmente la Foresteria dell’Abbazia di Santa Giustina  al suo interno (in clausura), offre per soli uomini, la disponibilità di 20 camere singole già fornite di biancheria, con acqua calda e fredda, e bagni in comune. All’esterno della clausura sono disponibili per uomini, per donne e anche per coppie, altre 20 camere singole e doppie con bagno incluso e con a disposizione tutta la biancheria. L’accoglienza viene sospesa dal 15 Luglio al 31 Agosto e durante le festività di Natale.
Tutti, laici e religiosi, sono invitati al rispetto dei momenti di silenzio e se lo desiderano, possono partecipare alla vita dei monaci, condividendo la preghiera (Lodi mattutine, Ora Media, Vespri, Messa serale e Compieta), la Lectio Divina, il lavoro e la mensa. I chiostri ed i giardini del Monastero sono luoghi che ben si addicono a chi ha bisogno di momenti di pace e di meditazione.
In Foresteria vengono anche accolte persone per turismo religioso, per spedalità, per convegni e concorsi universitari.
Nell’Abbazia di Santa Giustina sono a disposizione delle grandi cucine dove i cuochi  Paolo e Fidenzio, preparano giornalmente sia per gli ospiti della Foresteria che per gli alunni del Collegio Universitario e per la Comunità dei monaci benedettini, degli  ottimi pasti.

per informazioni e prenotazioni inviare email a foresteria@abbaziasantagiustina.org